Salve a tutti, con questo video cercherò di spiegare nel modo più semplice possibile una delle trappole mentali che generano più sofferenza in assoluto nella sfera dell’amore.

Una persona che non sia stata sufficientemente amata dalle prime figure d’amore – i genitori – non cercherà, come sarebbe logico immaginare, un partner che sia in grado di amarla, che sia in grado di colmare almeno in parte le lacune generatesi nel corso di un’infanzia deficitaria.

Si sentirà invece paradossalmente attratta da qualcuno che non sia veramente in grado di amare. E questo perché, a livello inconscio, sta cercando di compiere un’operazione paradossale, un’operazione impossibile. Sta cercando di tornare indietro nel tempo per riscrivere la storia della propria infanzia.

Quindi una persona che sia posseduta da una coazione a ripetere di questo genere, non si accontenterà semplicemente di essere amata ma desidererà di essere amata da qualcuno che, come i suoi genitori, non sia in grado di amare. Per raggiungere questo obiettivo irragiungibile, sarà disposta ad assumere atteggiamenti servili, arrivando anche a voltare le spalle all’amore per sé stessa.

In altre parole, questa persona non sta veramente cercando l’amore, non sta veramente cercando un partner. Sta cercando un attore che sia in grado di interpretare al meglio lo psicodramma del suo passato.

Il suo vero obiettivo è rientrare in contatto con quelle dinamiche di amore fallimentare che hanno caratterizzato la sua infanzia, al fine di poterle vincere, al fine di poterle esorcizzare. Ma così facendo non fa che sprofondare sempre più profondamente nel suo dolore.

Come sottrarci alla trappola dell’amore impossibile?

Come possiamo fare allora per poter uscire da una trappola mentale di questo tipo?

Dobbiamo, innanzitutto, poterla vedere ed è a questo che serve questo video.

Dopodiché, dobbiamo lasciarla andare. Dobbiamo smettere di lottare contro ciò che ci ha fatto soffrire. Dobbiamo smettere di lottare contro il nostro passato, altrimenti non faremo che nutrire il notro Corpo di Dolore.

Dobbiamo invece poter abbracciare il presente in tutto il suo mistero ed eroticità e dobbiamo permettere che il passato sia davvero e definitivamente passato.

Dottor Simone Ordine, psicologo e psicoterapeuta a Roma Prati

Share on FacebookTweet about this on TwitterEmail this to someoneShare on LinkedInPin on Pinterest